Vai direttamente al contenuto della pagina
Vai al menu principale
Vai al menu situato a piè di pagina

Fondi Strutturali e FAS 2007-2013

 

La Politica Regionale Unitaria

Attraverso l'Intesa sancita il 3 febbraio 2005 in sede di Conferenza Unificata, Stato e Regioni hanno dato seguito in Italia alla riforma della Politica di Coesione comunitaria, unificando la programmazione della politica regionale comunitaria (finanziata dai Fondi Strutturali) con quella regionale nazionale (finanziata dal Fondo di cofinanziamento nazionale ai Fondi strutturali e dal Fondo per le aree sottoutilizzate - FAS).

Il processo di unificazione si è realizzato anche rispetto alla politica ordinaria (finanziata con le risorse ordinarie del nostro bilancio) che, differentemente da quella regionale, persegue i propri obiettivi di coesione economica-sociale con modalità diverse, ovvero a prescindere dai divari nei livelli di sviluppo regionali.

La programmazione regionale unitaria 2007-2013 è stata impostata pertanto secondo due principi fondamentali: da un lato, assicurando la distinzione a livello finanziario e programmatico dalla politica ordinaria a garanzia della sua aggiuntività; dall'altro, cercando la massima integrazione con la medesima politica ordinaria, al fine di perseguire gli obiettivi di competitività comuni.
 

ˆ torna su

 

Il Quadro Strategico Nazionale 2007-2013

Per realizzare il coordinamento tra la programmazione della politica regionale nazionale e quella a valere sui Fondi Strutturali comunitari, la Legge finanziaria 2007, all'articolo 105, ha previsto per il FAS uno stanziamento pluriennale con previsione settennale a carico del bilancio statale, e stabilito che il Quadro di riferimento Strategico Nazionale (QSN), presentato dall'Italia per la programmazione dei Fondi Strutturali comunitari, costituisce "la sede della programmazione unitaria delle risorse aggiuntive nazionali e comunitarie e rappresenta, per le priorità individuate, il quadro di riferimento della programmazione ordinaria in conto capitale, fatte salve le competenze regionali".

Il QSN, approvato con delibera CIPE 174/2006.doc, 208 Kb e adottato successivamente dalla Commissione europea, afferma il principio dell'unitarietà strategica delle politiche regionali, comunitaria e nazionale, anche attraverso un adeguamento e una progressiva convergenza delle modalità di attuazione delle due programmazioni.

In tal senso, la delibera CIPE 166/2007.doc, 679 Kb - di attuazione del QSN 2007-2013 e programmazione del FAS, oltre a ripartire le risorse assegnate al FAS per il periodo 2007-2013 tra le due macro aree Centro Nord e Mezzogiorno stabilisce anche i criteri per la programmazione degli interventi della politica nazionale aggiuntiva finanziata con il FAS.
La predetta delibera mutua larga parte dei principi che regolano il processo di programmazione, implementazione, valutazione e monitoraggio dei fondi strutturali della politica regionale di coesione, con particolare riguardo ai seguenti aspetti: il periodo di riferimento programmatico (dai 3 ai 7 anni); la struttura dei Programmi Attuativi (Regionali, Interregionali, Nazionali); i principi di base; gli ambiti di intervento; i principi di attuazione; le modalità e procedure di approvazione e attuazione dei documenti programmatici; la governance e la sorveglianza dei programmi (organismi di gestione, di certificazione, di controllo, Comitati di Sorveglianza); gli indirizzi e criteri per l'attuazione; la valutazione; il monitoraggio.
 

ˆ torna su

 

Le rimodulazioni del FAS nazionale nel biennio 2008-2009

In conseguenza dei provvedimenti legislativi intervenuti successivamente alla delibera CIPE 166/2007, il FAS ha subito delle riduzioni. Con la delibera CIPE 112/2008.pdf, 263 Kb, il CIPE ha aggiornato la dotazione FAS complessiva per il settennio 2007-2013, indicando la quota parte di riduzione operata ex lege al netto delle pre-allocazioni destinate al Fondo Infrastrutture, e le modalità di imputazione delle riduzioni: a valere sia sul ciclo di programmazione 2000-2006 sia sul periodo 2007-2013.
In particolare, per il ciclo di programmazione 2007-2013, con la stessa delibera il CIPE ha ripartito le risorse FAS complessivamente risultanti dalle predette riduzioni e disposto l'assegnazione a favore del Fondo Infrastrutture.

Successivamente, in linea con l'Accordo siglato il 12 febbraio 2009 tra il Governo, le Regioni e le Province autonome, il Comitato, con delibera 1/2009.pdf, 303 Kb, ha stabilito: la determinazione complessiva del FAS a seguito delle predette riduzioni, l'assegnazione di risorse ai Programmi attuativi di interesse regionale e interregionale e degli obiettivi di servizio, l'introduzione di alcune modifiche a principi e procedure previsti dalla delibera CIPE 166/2007.

Su proposta del Ministro dello sviluppo economico, di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze e del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, il Comitato ha adottato, inoltre, quattro delibere di assegnazione del FAS ai seguenti Fondi nazionali:

 

  • Fondo infrastrutture istituito nello stato di previsione del Ministero dello sviluppo economico.

    Il Fondo nasce per il finanziamento, in via prioritaria, di interventi finalizzati al potenziamento della rete infrastrutturale di livello nazionale, inclusivo delle reti di telecomunicazione ed energetiche. Viene inoltre previsto che le risorse assegnate al Fondo vengano utilizzate anche per la messa in sicurezza delle scuole, per le opere di risanamento ambientale, per l’edilizia carceraria, per le infrastrutture museali ed archeologiche, per l’innovazione tecnologica e le infrastrutture strategiche per la mobilità. La dotazione complessiva del Fondo ammonta a 12.356 milioni di euro, di cui 7.356 milioni di euro assegnati con la delibera CIPE n. 112/2008 e 5.000 milioni di euro assegnati con la delibera CIPE n. 3/2009.

    Per un aggiornamento al maggio 2010 della dotazione del Fondo infrastrutture e della sua riprogrammazione, si vedano le delibere CIPE nn. 29/2010 e 31/2010.
     
  • Fondo strategico per il Paese a sostegno dell'economia reale istituito nello stato di previsione della Presidenza del Consiglio dei Ministri.

    Il Fondo, con una dotazione di 9,053 miliardi di euro (delibera CIPE n. 4/2009), costituisce una riserva di programmazione, a favore della Presidenza del Consiglio dei Ministri, con finalità strategiche di sostegno dell’economia reale.

    Per un aggiornamento al maggio 2010 della dotazione del Fondo infrastrutture, si veda la delibera CIPE n. 30/2010.
     
  •  Fondo sociale per l'occupazione e la formazione istituito nello stato di previsione del Ministero del lavoro, salute e politiche sociali.

    La dotazione complessiva del Fondo, pari a 4.000 milioni di euro (delibera CIPE 2/2009), è stata destinata integralmente agli ammortizzatori sociali in deroga per il biennio 2009-2010.

 

ˆ torna su

 

I Programmi Attuativi Regionali (PAR)

 

 Il CIPE ha preso atto, con osservazioni, dei primi Programmi Attuativi Regionali (PAR) presentati dal Ministero dello sviluppo economico, finanziati a valere sulle risorse del Fondo per le aree sottoutilizzate disponibili per il periodo 2007-2013:

 

  • la delibera CIPE n. 11/2009 e' relativa ai PAR delle Regioni Emilia Romagna, Liguria, Lombardia, Marche, Piemonte, Toscana, Umbria, Valle d'Aosta, Provincia autonoma di Bolzano;
  • la delibera CIPE 66/2009 concerne il PAR della Regione Siciliana.

 

ˆ torna su

 

Approfondimenti sulla politica di coesione

 

È attualmente in corso, a livello europeo, un ampio dibattito sul futuro della politica di coesione per il periodo di programmazione 2014-2020. Fra le tappe più recenti ricordiamo:
 

 

 

 


 

ˆ torna su